Bersani: ‘Pieno appoggio al governo ma con Renzi non c’è grande amicizia’

Pier Luigi Bersani, Photo by Eric Vandeville/Abaca/LaPresseOnly Italy

“Il governo avrà sempre il nostro sostegno, anzi stiamo procedendo anche a un minimo allargamento. Saremo interlocutori positivi”.

Esordisce così Pierluigi Bersani incontrando i cittadini di Mestre alla presetazione di Mdp

Bersani non ritiene che il distacco del gruppo di parlamentari dal Pd confluiti nel Mdp possa danneggiare l’esecutivo Gentiloni ma è pronto a incalzarlo di suggerimenti.

“Naturalmente al governo chiediamo delle cose – ha spiegato Bersani – ad esempio che il problema dei vaucher vada risolto; sulla scuola vanno messe correzioni serie le stesse che vanno inserite nella politica economica. Bisogna fare investimenti se vogliamo dare lavoro. Non lo si regala con i bonus”.

“Vogliamo che si arrivi al 2018 – ha sottolineato ancora l’ex ministro – perchè non c’è nessuna ragione di traumatizzare un Paese già pieno di problemi. Intanto bisogna preparare un’alternativa possibile a ciò che succede nel mondo che ha pensieri sovranisti, di identità, protezionisti, nazionalisti aggressivi. Non siamo fuori da questa dinamica”.

Mdp, Bersani: con Renzi non c’è mai stata intesa.

L’ex Segretario Pd, riguardo il partito ha avuto parole di disappunto

“Pretendere di riassumere il centro sinistra in un partito e il partito in un capo significa andare contro un muro”

Così l’ormai leader del nuovo Movimento Democratici Progressisti Pierluigi Bersani che parlando a Mestre ha aggiunto “sento moralmente l’esigenza di dirlo”.

Bersani ha ammesso quindi che con Renzi “non c’e’ mai stata una grande intesa. Ma bisogna chiedersi il perche’: quelli che sono venuti dopo di me, da Errani in Regione a Letta al ministero, sono diventati miei grandi amici. Come mai Renzi non lo e’ diventato? Sara’ colpa mia? Ho qualche dubbio. Per ragionare bisogna essere in due – ha aggiunto Bersani – se uno pensa di farlo da solo o in una cerchia molto stretta non riesce a scambiare veramente le opinioni”.

L’ex segretario del Pd, poi,  ha escluso di rimanere convinto dagli inviti fatti da Emiliano, per ora a Rossi e Speranza, di rientrare nel Partito Democratico. “Non vorrei – ha ironizzato – che se rientrassi io e uscisse lui. Perche’ Emiliano, a cui voglio bene, e’ un filino mobile nonostante il fisico”