Retribuzioni: il settore privato va meglio del pubblico

 

Office Worker with Mountain of Paperwork --- Image by © Royalty-Free/Corbis
Office Worker with Mountain of Paperwork — Image by © Royalty-Free/Corbis

Chi lo dice che ‘pubblico è meglio’ ?

L’indice delle retribuzioni contrattuali orarie registra +0,1% rispetto al mese precedente e +0,8% rispetto a febbraio 2015.
Lo dice l’Istat che proprio stamane ha lanciato la rilevazione storica.
Sempre a febbraio scorso, con una crescita dello 0,7% sull’anno, l’indice aveva segnato il livello più basso registrato dal 1983, data d’inizio delle serie.
La quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 60,5% nel totale dell’economia e del 49% nel settore privato.
L’attesa per i rinnovi dei contratti è in media di 38 mesi per l’insieme dei settori e di 16,7 mesi  per il settore privato.

Un pensiero su “Retribuzioni: il settore privato va meglio del pubblico

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...