Bersani preoccupato per le Comunali: ‘il Pd rischia l’isolamento’

Pierluigi Bersani
Pierluigi Bersani

 

Roma, 10 nov.

Considera poco intelligente la mossa di Stefano Fassina di aprire al Movimento 5 stelle sui ballottaggi a Roma, ma Pierluigi Bersani e’ su altri fronti che analizza la partita del Pd sulle amministrative. Dice basta –  parlando con i suoi –  alle rappresentazioni plastiche secondo cui prima si perdeva e ora si vince. Non e’ cosi’ si inalbera l’ex segretario Pd con i suoi interlocutori, ed e’ assurdo dire che la minoranza del partito potrebbe condannare alla sconfitta il Pd’.

Bersani torna a chiedere ai vertici di cambiare direzione:

Basta con il Pd pigliatutto, c’e’ il pericolo di restare isolati, se si arriva ai ballottaggi non ci saranno sponde, e’ l’allarme che rilancia. La strada e’, piuttosto, quella dell’allargamento del campo, del recupero di una base sociale che si e’ allontanata, perche’ se perdi il contatto con la propria gente – questa la tesi – si arriva all’esasperazioni e a proposte come quella di Fassina.

“Ieri – si schermisce quest’ultimo – ho detto una cosa banale, evidentemente ho toccato un nervo scoperto”.

Il disagio dei bersaniani resta, ma l’obiettivo non e’ lo stesso di quello dei costituenti della sinistra italiana.

In Italia – sottolinea Bersani – la destra c’e’, e’ sbagliato cercare di assorbirla, cosi’ si rischia di tirarle la volata.

Il tema che Bersani discute  e’ quello della prossima tornata elettorale perche’, sostiene, e’ sbagliato da parte di Renzi ipotizzare un disimpegno: cosi’  si manda un messaggio negativo, vuol dire non metterci la faccia, pensare gia’ di poter perdere.

Renzi, incontrando la delegazione di Scelta civica a Palazzo Chigi, ha ribadito – secondo quanto riferiscono fonti parlamentari – che il voto di giugno non e’ all’ordine del giorno, se ne parlera’ a gennaio. Al momento non c’e’ alcun confronto in vista tra le due anime del partito sulle amministrative, la partita e’ tutta legata alla legge di stabilita’.

E su questo punto Bersani, viene riferito, vede due pericoli: il primo legato alla sanita’ con un sistema che, a suo dire, rischia di scoppiare; l’altro e’ la prospettiva del governo di rinviare tutto al 2017, di lasciare aperta la questione delle coperture. ‘C’e’ poi il nodo del tetto all’uso del contante: possono dire tutto quello che vogliono – ha spiegato Bersani ai senatori – ma noi questa norma non la votiamo’. Nessun interrogativo invece sul probabile voto di fiducia: ‘la minoranza del Pd non si sfilera” garantisce Bersani. Questo non vuol dire, pero’, che non ci sara’ battaglia.

Renzi anche con gli esponenti di Scelta civica ha aperto a possibili modifiche ma a saldi invariati. Dopo il capitolo sulla legge di stabilita’ si aprira’, confermano fonti di maggioranza, il dossier sul ‘rimpastino’.

(fonte AGI)

Un pensiero su “Bersani preoccupato per le Comunali: ‘il Pd rischia l’isolamento’

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...