Napolitano agli italiani: Occorre ritrovare le fonti della coesione e della volontà collettiva che ci hanno permesso di superare le prove più dure. Ciascuno faccia la sua parte al meglio

 

 

 

 

 GRAZIE PRESIDENTE NAPOLITANO

Personalmente resto convinto che la disponibilità richiestami e offerta nell’aprile 2013, in un momento di grave sbandamento e difficoltà post-elettorale, sia risultata un passaggio determinante per dare un governo all’Italia, rendere possibile l’avvio della nuova legislatura e favorire un confronto più costruttivo tra opposti schieramenti politici.

Un Presidente al tempo stesso vittima e deus ex machina in un tempo difficile di crisi.

  • Da trent’anni la democrazia costituzionale italiana resiste a mala pena agli attacchi liberisti e libertari, dapprima parziali e mascherati e poi via via sempre più palesi e sfrontati, delle ragioni della finanza mondiale. Lo sottolinea anche, con tanta più professionalità ed argomentazioni,  Gianni Ferrara, Professore costituzionalista e  già deputato nella IX e X legislatura. Lo smantellamento dello stato sociale serve a scalfire, fin dove possibile, le conquiste dei movimenti democratici, operai, femministi e civili che dalla Seconda Guerra Mondiale hanno offerto vittorie di civiltà umana su e oltre il fascismo e nazismo. Il rigurgito destroso che stiamo vivendo in tutta Europa per gli effetti degli isterismi di un Mercato senza più garanzie e coperture, soggiogato dalla globalizzazione oltre ogni ragionevole misura da un’ottica limitata al particulare, non avendo mentalità alla costituzionalità delle forme e modi e  che estende i propri effetti all’oriente e all’occidente, inoltre destabilizzato dalla sparizione del Serpente monetario, del bipolarismo e dal cambio di asse della cosiddetta guerra fredda, mostra come ormai sia necessario l’unico vero cambiamento possibile e unica via d’uscita nel neoliberismo orientato alla libertà, eguaglianza, pace e pari opportunità. Heghel diceva che lo Stato è costruens ossia detta le norme della eticità e forme della civiltà di un popolo. E a questa filosofia si è sempre ispirata la nostra Costituzione che per ciò stesso è sempre stata sotto attacco perché detta norme opposte e diverse dalle forme di “governo” immediatamente precedenti e ad esse si contrappone con forza. Il cambiamento verso la modernità, per ciò stesso, proprio in tempi così cruciali e cruenti, non dovrebbe far perdere di vista la struttura principale e portante della nostra Carta Costituzionale, il canovaccio su cui si poggia tutto il senso della coesione del popolo italiano, oggi in gravi e pesanti difficoltà ma non piegato. Infatti dice il Presidente Napolitano:

Occorre ritrovare le fonti della coesione, della forza, della volontà collettiva che ci hanno permesso di superare le prove più dure in vista della formazione del nostro Stato nazionale unitario e poi del superamento delle sue crisi più acute e drammatiche.

E ancora

Si, in questa direzione, anche se tra alti e bassi, si sta andando avanti. Ed è il solo modo di garantire all’Italia stabilità politica e continuità istituzionale, e di affrontare su larghe basi unitarie le più gravi patologie di cui il nostro paese soffre.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un Presidente che ammette i propri errori ma che non si sveste del suo alto magistero di fronte ai rischi che corre il paese

Il rischio di cadere in quell’indifferenza globale che Papa Francesco denuncia con tanto vigore è dietro l’angolo, anche da noi.

A quel rischio deve opporsi una sensibilità sempre più diffusa per le conquiste e i valori di pace e di civiltà oggi in così grave pericolo. La crescita economica, l’avanzamento sociale e civile, il benessere popolare che hanno caratterizzato e accompagnato l’integrazione europea, hanno avuto come premessa e base fondamentale lo stabilirsi di uno spirito di pace e di unità tra i nostri popoli. Ebbene, questo storico progresso è sotto attacco per l’emergere di inauditi fenomeni e disegni di destabilizzazione, di fanatismo e di imbarbarimento, fino alla selvaggia persecuzione dei cristiani. Dal disegno di uno o più Stati islamici integralisti da imporre con la forza sulle rovine dell’Iraq, della Siria, della Libia ; al moltiplicarsi o acuirsi di conflitti in Africa, in Medio Oriente, nella regione che dovrebbe essere ponte tra la Russia e l’Europa : di questo quadro allarmante l’Italia, gli italiani devono mostrarsi fattore cosciente e attivo di contrasto.

  • Sulla democrazia si riflette da duemila anni, almeno. Problematico è soprattutto il tema delle forme statali e dei progetti possibili di inclusione e partecipazione popolare, per realizzare concretamente l’etimo democrazia, realizzandone tutte le potenzialità. Oggi siamo di fronte la drammaticità della questione che vedono impegnati studiosi – ormai stanchi a dire il vero – e professori di ogni sorta a difesa di una idealità che sembra voler essere spazzata via e con essa la propria norma.
  • Un ringraziamento, dunque va al Presidente Napolitano per aver “evitato il peggio” ma anche un monito agli italiani per un impegno ad un surplus di coscienza e conoscenza.  E non dimentichiamo, che il Presidente della Repubblica prossimo sarà votato sempre dallo stesso Parlamento e quindi bisogna fare attenzione alle giacche che indosseremo

Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (link al testo ufficiale completo)

Un pensiero su “Napolitano agli italiani: Occorre ritrovare le fonti della coesione e della volontà collettiva che ci hanno permesso di superare le prove più dure. Ciascuno faccia la sua parte al meglio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...