BERSANI A CORREGGIO: NON SI PUO’ RIMETTERE IL DENTIFRICIO NEL TUBETTO

CRESCITA EUROZONA IN CRESCITA 0,2% , ITALIA ANCORA IN NEGATIVO -0,1% AVANTI SOLO A CIPRO

BERSANI

Sui Jobs Act:

Vedremo ma mi sembra che in Commissione si siano fatti dei notevoli passi avanti

Sottolineando : ” un certo rapporto di forze fra diverse opinioni

 

 Risorse per gli ammortizzatori, la pletora della contrattualistica che dovrà essere rinnovata sembrano i punti sui cui approva il punto delle riforme da fare, Pier Luigi Bersani ieri a Correggio, nella sua amata regione Reggio Emilia, interessata dall’inchiesta sulle spese pazze.

L’ex M5s Defranceschi ha registrato alcune riunioni dei capigruppo in Regione: gli audio sono finiti in Procura. Inchiesta che ha colpito il capogruppo PD in Regione Marco Monari

Una campagna elettorale difficile a Reggio Emilia, “vien fuori dai riflettori nazionali” dice con una punta di orgoglio Bersani, non celando, ironia della sorte, che il filo so dell’inchiesta rende la regione importante e di rilievo nazionale, mostrando all’Italia “la sala macchine del riformismo in Italia”. Quindi scelte giuste su chi governa e chi si manda a governare, soprattutto in Emilia.

Non può essere messo tutto nel mucchio da qualche cattiva notizia. Qui c’è della roba seria, molto seria

 Particolare ancora di rilievo, per Bersani,  è l’approccio alle politiche di governo, soprattutto sui Jobs Act,

“Il nostro problema si chiama produttività e lo affronti flessibilizzando ma flessibilizzando soprattutto in azienda, questo richiede un rispetto del decentramento da un lato e di partecipazione dei lavoratori, dall’altro, alle decisioni. Io credo che sarebbe stata più giusto impostarla così : essere sfidanti anche con le organizzazioni sindacali, imprenditoriali ma sul tema decentramento-partecipazione. L’art.18 era stato modificato due anni fa, non c’era nessun bisogno di tirarlo fuori e su questo punto, benché si sia fatto un passo in avanti anche lì. Questo approccio, secondo me non è adeguato e adesso è difficile rimettere tutto il dentifricio nel tubetto. Adesso vediamo in Parlamento, l’insieme delle misure che verranno fuori. Se c’è un partito che discute è chiaro che verranno fuori delle idealità che dovranno coinvolgere tutti, anche chi comanda“.

Anticipando l’intervista a Gianni Cuperlo, di questa mattina sul Corriere, su una posizione ancora più intransigente, e per il quale il lavoro non è monetizzabile

Jobs Act, Cuperlo: “Le modifiche ancora non bastano”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...