Petilia Policastro, bellissima ma meglio non andarci …

petilia 2

PETILIA POLICASTRO è un bellissimo e ridente comune della Calabria, in provincia di Crotone, con 9.594 abitanti e una  superficie di 96,4 chilometri quadrati.. Sorge a  436 metri sopra il livello del mare,  ai piedi della Sila del cui Parco fa parte. Le sue affascinanti  radici storiche sono orientali: fu fondata dai bizantini. Nel XIX secolo divenne preda del famoso brigantaggio che infaustamente accompagnò l’unità d’Italia. Qualche secolo prima, nel 1632 Petilia venne sconvolta  da un tragico terremoto ma presto rialzò la testa, seppe trovare le ragioni della rinascita e ricostruzione.  Dominio del gran duca di toscana, Petilia ha vissuto nella giorni felicissimi forse per quella sua caratteristica di paesino tranquillo che non chiede e non cerca troppo clamore. Bellissime le sue chiese medioevali : la Chiesa di San Francesco di Paola, il  Santuario Santa Spina, la  Chiesa di San Nicola Pontefice e il  Palazzo Aquila. Petilia Policastro è raggiungibile da Crotone  imboccando la Strada Statale 106 fino al Bivio per Cutro, poi si prosegue fino al Bivio Lenze e seguendo le apposite segnalazioni, imboccando la Strada Statale 109 ter, fino a giungere a Foresta; da qui, dopo circa 5 chilometri si arriva a Petilia. Ma non ci andate. Sì, non ci andate, a meno ché  non siate automobilisti espertissimi. L e strade della Calabria, famose per la loro pericolosità,  ormai non sono altro che un pezzo di territorio  completamente asservito alle logiche scellerate del ciclo dei rifiuti  calabrese e all’incuria degli attraversamenti: mezzi pesanti che continuamente fanno spola tra vari impianti che devastano il paesaggio

petilia 

Istat e Aci hanno presentato il rapporto annuale degli incidenti stradali evidenziando, per la Calabria in particolare, il dato drammatico dei morti, in aumento rispetto all’anno precedente nonostante si riducano il numero dei sinistri. Si muore per distrazione, mentre tra i giovani è una vera e propria mattanza. Dal Rapporto, inoltre, è emerso un netto miglioramento rispetto all’autostrada Salerno-Reggio Calabria, dove si è passati dai 521 incidenti del 2010 a 315 nel 2012 con una riduzione del 39,5 per cento.

normal_frana_petilia_policastro_taglio_strada_provinciale109ter_13 ss109

In Calabria, dunque, ci sono meno incidenti ma più morti, a conferma di una condizione delle strade più disastrata. Infatti la condizione delle strade per Petilia Policastro è veramente da brividi. 

St109 Pitilia

SS109 immagine novembre 2013

Pitilia 2

SSt 109 novembre 2013

statale 109

SSt 109 novembre 2013

Complessivamente, in Italia diminuiscono gli incidenti stradali in Italia: nel 2012 sono stati registrati 186.726 sinistri con lesioni a persone (-9,2% rispetto all’anno precedente), che hanno causato 3.653 morti (-5,4%) e 264.716 feriti (-9.3%). Ogni giorno sulle nostre strade si verificano 512 incidenti con 10 morti e 725 feriti e l’Italia conta più di 60 morti per incidente ogni milione di abitanti, mentre la media europea è 55.

Un pensiero su “Petilia Policastro, bellissima ma meglio non andarci …

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...